Il sito per chi vuole conoscere, vivere e organizzare pellegrinaggi
Home
Chi siamo
Pellegrinaggi
Itinerari
Consigli
Santiago
Spiritualità
Storia
Proposte
Dicono di noi
Contattaci
Link

Quando si parla di pellegrinaggi non si può non parlare del “Cammino di Santiago”. Questo pellegrinaggio non è infatti semplicemente una città chiamata “Santiago” ma è appunto il “Cammino di Santiago”. E allora il cammino diventa Roncisvalle, Leon, Puertomarin, la meseta, la terra sassosa sotto i piedi, le centinaia di persone che incontri e soprattutto quell’unico Dio che tutti noi cerchiamo.

COS'E' IL CAMMINO DI SANTIAGO
Tanti sono gli itinerari che conducono alla meta ma il più importante ancora oggi è il “cammino francese”: dal paese di Puente la Reina infatti ogni anno decine di migliaia di persone percorrono i 750 km che conducono a Santiago seguendo le caratteristiche frecce gialle disegnate praticamente ovunque (strade, marciapiedi, muretti …); alcuni partono ancora prima ed in particolare dall’itinerario “nord” che arriva da Roncisvalle passando attraverso Pamplona. Due cose in particolare rendono questo cammino unico rispetto a qualsiasi altro pellegrinaggio:
  • l’accoglienza;
  • le centinaia di persone che sicuramente incontrerete
Accoglienza fatta di “Alberghi del pellegrino” (la parola Alberghi non deve trarre in inganno!!!), palestre o semplici stanze parrocchiali, ma soprattutto accoglienza fatta di persone che ti fanno sentire a casa anche se non ti conoscono e non parlano la tua stessa lingua.Le centinaia di persone che condividono con te la fatica e la gioia dell’arrivo alla tappa successiva o che semplicemente ti augurano “Buen Camino” sotto il sole di Spagna.
Il cammino di Santiago non ha età (esiste da prima dell’anno 1000) e può essere vissuto da persone d tutte le età. Il Cammino è percorso prevalentemente da gente a piedi ma negli ultimi anni si è molto diffuso anche l’uso della bicicletta.
L’arcivescovato di Santiago consegna a ogni persona che realizza il pellegrinaggio per motivi religiosi la “Compostela”: pergamena compilata al vostro arrivo nell’ufficio (Oficina dos pelegrinos) preposto di fianco alla cattedrale di San Giacomo.

Conosci San Giacomo ?

Storia di Santiago

Per ottenerla bisogna percorrere a piedi e a cavallo almeno gli ultimi 100 km o in bicicletta gli ultimi 200 (per approfondimenti logistici --->vai !!!) Per documentare l’effettivo cammino percorso bisogna utilizzare la Credenziale del Pellegrino: documento che raccoglie i timbri o le firme che si ottengono negli ostelli e nei rifugi delle varie tappe del Cammino. In Italia si può ottenere la Credenziale dalla “Confraternita di San Jacopo di Compostella” che ha sede a Perugia. In mancanza della Credenziale si può comunque ricorrere a un diario di rotta. Non necessariamente bisogna percorrere il Cammino di Santiago in una sola volta. Tante persone (soprattutto spagnoli per ovvie ragioni di vicinanza) percorrono un pezzo del cammino e l’anno successivo ripartono dal punto dove erano arrivati. Allo stesso tempo molte persone percorrono il Cammino di Santiago più volte nella vita.Il 2004 è per Santiago un anno speciale in quanto ricorre il 118° “Anno Santo Giacobeo” che è anche il primo del terzo millennio. Anno santo proclamato quando la festa di San Giacomo, che è il 25 luglio, cade di domenica.